Crea sito

7 dicembre Festa di S Ambrogio

Il 7 dicembre a Milano si festeggia Sant’Ambrogio, il patrono della città, insieme a San Carlo Borromeo, una festa bellissima che anticipa di un giorno, la più famosa festa dell’Immacolata

7 dicembre Festa di S Ambrogio
7 dicembre Festa di S Ambrogio

Dai rimedi della nonna: 7 dicembre Festa di S Ambrogio 

La Festa di Sant’Ambrogio santo patrono della città, è caratterizzata da cerimonie religiose, eventi culturali e fiere, una di queste è la fiera degli Oh Bej Oh Bej, il tradizionale mercato dell’artigianato, che ha un’origine molto antica poichè si hanno notizie di questo mercatino in onore di Sant’Ambrogio sin dal 1288.

Pensando a questa festa, mi viene in mente il periodo in cui ho abitato al nord proprio perchè mio marito lavorava a Milano la città dell’operosità e con questa festa ufficialmente inizia il conto alla rovescia per il Natale.

In questo giorno Milano si dimentica il business per aprirsi a mercatini, tradizioni e curiosità legate al suo patrono S. Ambrogio ovvero Sant’Ambrös per i milanesi (Aurelio Ambrogio, meglio conosciuto come sant’Ambrogio (Treviri, incerto 334-339 – Milano, 397), vescovo, scrittore e uomo politico, è venerato come santo dalla Chiesa cattolica che lo annovera tra i quattro massimi Dottori della Chiesa insieme a san Girolamo, sant’Agostino e san Gregorio I papa.)

E’ bellissimo andare in giro per le strade illuminate, trovarsi attorno alle bancarelle della centralissima Basilica di S. Ambrogio. Questo mercatino che ha un’antica tradizione è molto amato dai bambini; il suo nome deriva proprio dalle esclamazioni di gioia che uscivano dalla loro bocca che era appunto: “Oh Bej! Oh Bej!” che in dialetto milanese significa infatti Che bello! Che bello! Qui vengono esposti mobili d’antiquariato, di artigianato, oggetti in ferro battuto, storiche insegne pubblicitarie, artigianato etnico, presepi.

E qualche metro più in la stand gastronomici di salumi, formaggi e dolci tipici, dove gustare anche la bevanda ufficiale della fiera che è il vin brulé, (Il Vin Brulè è una bevanda aromatica apprezzata e conosciuta in tutto il mondo. Si narrà che questo vino caldo ha origini molto antiche e che la sua nascita sia da attribuire a frati, esperti conoscitori di erbe e spezie, che nei conventi si dedicavano anche alla preparazione del vino. Vin Brulè vuol dire “vino bruciato” e viene servito caldo. Proprio per questo motivo è usato in montagna o in luoghi molto freddi e decisamente efficace contro il freddo) e mangiare le caldarroste calde e profumate vendute all’angolo della strada.

In ogni strada si sentono i suoni, gli odori e i profumi del Natale, che si uniscono a quelli dei negozi, e poi le luci e i colori che sono così intensi che quasi ti senti intontita, ma felice, di trovarti in mezzo a quella confusione, tra il vociare della gente piena di pacchetti e pacchettini, tanto che non ti accorgi nemmeno del freddo che fa perchè è così tanta la voglia di vivere questo giorno, di stare assieme per strada nonostante si è avvolti in sciarpe e cappotti che ci si lascia trasportare da questa atmosfera di grande fascino e suggestione, ricca di luci, di suoni, di profumi e colori propri del Natale. Ed è già Natale!

Leggi anche

Curiosità e storia del presepe

I simboli del Natale tra curiosità e leggende

Tradizioni e origini dell’albero di Natale

La vera storia di Babbo Natale

Il calendario dell’avvento fai da te

Idee regalo golose per Natale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.