Come si prepara la tisana alle erbe, trucchi, segreti di una bevanda e antico rimedio naturale

Come si prepara la tisana alle erbe. La tisana è una bevanda dalle proprietà benefiche e curative,  oltre che un piacevole momento di coccola e relax per corpo e mente.  Scopri con i nostri suggerimenti, le diverse tipologie (infuso, decotto e macerazione) e le differenze, per preparare una tisana: curativa, rilassante, dimagrante, depurativo, drenante, sgonfiante, etc

Come si prepara la tisana alle erbe
Come si prepara la tisana alle erbe-Dai rimedi della nonna

Dai rimedi della nonna: La tisana alle erbe, bevanda e antico rimedio naturale, trucchi, segreti e come si prepara

Le tisane sono le bevande più conosciute al mondo, considerate dalla tradizione popolare, il più antico e classico rimedio naturale  curativo, rilassante, dimagrante, depurativo, drenante e sgonfiante  Vengono ricavate dalle piante officinali e sono una miniera di sostanze benefiche per l’organismo, tra questi anche oli essenziali e antiossidanti. Le sue proprietà sono riconosciute perfino dalla medicina tradizionale e, spesso vengono aggiunte  alle cure mediche moderne.  

In questo post, scopriremo i trucchi e i segreti, per preparare una buona tisana, la forma più semplice di estrazione dei fitocomplessi, l’insieme cioè di tutte le sostanze dotate di attività terapeutica e medicamentosa  ovvero i principi attivi contenuti nella pianta. Il termine deriva dal greco “ptisane” che significa “orzo macinato”, e da “ptisso”, ovvero “pesto, trito, macino”. presso i Greci,  la tisana era un decotto di orzo macinato che veniva somministrato alle persone malate.  La tisana è definita come una soluzione acquosa a base di  erbe con proprietà medicamentose, destinate ad essere somministrate per via orale. A seconda del metodo a cui si ricorre per estrarre i principi attivi contenuti nei vari elementi che compongono la pianta (radice, fiore, frutto, foglie, corteccia, semi) la tisana prende il nome di: Infuso, Decotto, Macerato.  Tutte queste preparazioni rientrano nella categoria degli idroliti, ovvero le preparazioni in cui l’acqua è il veicolo utilizzato per l’estrazione dei principi attivi. Per tisana, si intende una preparazione che  è costituita da almeno due diverse piante, di cui la principale sarà quella, che darà alla tisana le proprietà desiderate, mentre le altre serviranno a potenziarne l’effetto o a migliorarne il gusto in quanto, le tisane hanno un sapore piuttosto amaro. Solitamente si usano al massimo 5 tipi di erbe per ogni tisana,  una tisana composta da più erbe presenta elementi così schematizzabili:

il remedium cardinale (o rimedio di base): una o più droghe con principi specifici per la terapia in questione,
l’adiuvans (o adiuvante): una o più droghe capaci di sinergizzare con il rimedio di base
il costituens (o complemento): una o più droghe in grado di conferire un aspetto piacevole,
il corrigens (o correttore): una o più droghe in grado di migliorare le caratteristiche organolettiche della tisana

Le tisane, di solito, vengono assunte a dosaggi non molto alti (1-2 cucchiaini di droga per tazza) e per tempi lunghi, e possono essere preparate o estratte. come abbiamo detto, per infusione, decozione e macerazione leggi post , in base alle caratteristiche dei componenti della pianta e dei principi attivi che si desiderano estrarre.

L’infuso si realizza versando acqua bollente su una miscela di fiori, foglie e parti erbacee di una pianta (un cucchiaino da tè per tazza d’acqua bollente)

Il decotto viene preparato portando a ebollizione le parti più dure delle piante, corteccia, legno, semi e radici opportunamente tagliate (un cucchiaino da tè per tazza d’acqua bollente).

Il macerato ha un tempo di preaprazione più lungo, si ottiene ponendo le erbe (30-50 gr per litro di acqua) in un contenitore con acqua fredda ben tappato, facendolo riposare a secondo delle indicazioni date dall’erborista.

La tisana durante la giornata è una occasione per assumere qualcosa di buono, non ingrassa e fa stare bene con se stessi e,  poichè è un rimedio naturale non ha controindicazioni, può essere usato anche tutto l’anno, per esempio:

d’inverno è utile per superare i piccoli malanni di stagione come: raffreddore, mal di testa, ecc (evitando così l’utilizzo di medicine o sostanze chimiche);

d’estate è utile, perchè ( essendo a base di erbe) riesce a reintegrare nel corpo i sali minerali persi a causa del caldo eccessivo e della sudorazione.

Inoltre, le tisane diuretiche aiutano a espellere i liquidi in eccesso e quelle drenanti, vengono utilizzate per risolvere i problemi di ritenzione idrica e tutte e due, sono un valido aiuto per chi desidera dimagrire e perdere peso.

Le tisane, decotti o infusi devono essere preparati al momento e bevuti subito, in questo modo conservano intatto l’aroma e le proprietà.

Gli ingredienti più utilizzati per addolcire le tisane sono il miele e la liquirizia.

ATTENZIONE

Utilizzare le droghe o le erbe sempre con cautela e solo su prescrizione e controllo del medico o dell’erborista.

Le proprietà e le indicazioni erboristiche delle piante sono riportate a solo titolo indicativo, e non costituiscono nessun tipo di consulto, prescrizione o ricetta medica

Leggi anche:

Gli oli essenziali più comuni e utilizzata dalla A alla N

Gli oli essenziali più comuni dalla N alla Z

Gli oli essenziali per la bellezza di tutto il corpo

Cosa sono gli oli essenziali, proprietà e rimedi

Precedente Tisane alle erbe i rimedi naturali per la salute per dimagrire e ritornare in forma Successivo Come Pulire pavimenti e pareti, trucchi e consigli

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.