Il rosmarino proprietà e utilizzi

Il rosmarino proprietà e utilizzi. Il rosmarino è una pianta aromatica che non può assolutamente mancare nei nostri orti e giardini domestici, non solo per la bellezza e perche viene utilizzata in cucina come condimento in molte ricette per il suo profumo, ma perchè è ricca di tante proprietà benefiche. Ecco qualche suggerimento su come utilizzarla e come conservarla.

Il rosmarino proprietà e utilizzi
Il rosmarino proprietà e utilizzi-Dai rimedi della nonna

Dai rimedi della nonna: Il rosmarino proprietà e utilizzo

Il nome botanico è Rosmarinus officinalis ma è meglio noto in Italia con i nomi volgari Ramerino o Ramerrino. Il rosmarino, la cui etimologia secondo alcuni deriverebbe dal latino, da rosa e maris cioè “rosa del mare” secondo altri, da rhus e maris che significa “arbusto di mare”, è una pianta sia alimentare che officinale, apprezzata fin dal’antichità per le sue proprietà benefiche, sostanze e principi attivi contenuti all’interno del suo olio essenziale, conosciamola meglio!

Descrizione

Il rosmarino è un arbusto sempreverde che appartiene alla famiglia delle Lamiacee,  con portamento cespuglioso che può raggiungere  anche i due metri di altezza. Il fusto all’inizio è prostrato, poi eretto e molto ramificato, le radici sono  profonde e tenacemente ancorate al terreno, le foglie sono piccole e prive di picciolo, un po’ coriacee e di un bel colore verde scuro, strette, lineari, molto fitte sui rami e ricche di ghiandole oleifere. I fiori sono riuniti in brevi grappoli all’ascella di foglie fiorifere sovrapposte, di colore azzurro-violetti e presenti quasi tutto l’anno. Sono ermafroditi e ad impollinazione entomofila, i frutti sono degli acheni che diventano scuri a maturità.

Principi attivi e proprietà

Il rosmarino è una pianta ricchissima di oli essenziali (pinene, conforene, limonene), di flavonoidi, di acidi fenolici, di tannini, di resine, di canfora, di acido rosmarinico (dalla proprietà antiossidante) e di aminoacidi (acido aspartico, acido glutammico, alanina, arginina, cistina, glicina, fenilalanina, istidina, metionina, isoleucina, leucina, lisina, prolina, serina, tirosina, triptofano, valina e treonina).  Tutte queste sostanze (o principi attivi) gli conferiscono tante proprietà  benefiche utili al benessere di tutto il corpo, tra le maggiori troviamo: azione tonica e stimolante, antinfiammatoria, antibatterica e antisettica, antidolorifica, antispastica e infine antiossidante.

Utilizzi

Possiamo sfruttare i  principi  attivi contenuti nel rosmarino per il benessere di tutto il corpo, sia per via interna che esterna, con tisane, decotti, impacchi, sciacqui, bagni, ecc. oppure aggiungendolo sia fresco che secco o in olio aromatizzato in tutte le mostre ricette di cucina. In commercio lo troviamo anche sotto forma di olio essenziale, tintura madre, gocce orali, macerato glicerico, granuli, ecc.

Nella medicina popolare il rosmarino viene utilizzato per i problemi di  digestione, per depurare l’organismo e per curare il mal di gola,  il raffreddore,  la  tosse, le contusioni, ecc.  In cosmetica  è indicato per combattere la cellulite,  per prevenire la caduta dei capelli, per  la forfora, per i capelli grassi e bianchi, per prevenire e curare i brufoli, per distendere le rughe, per tonificare la pelle, ed altro.

Raccolta e conservazione

Del rosmarino si utilizzano sia le foglie che i fiori, che vanno raccolti in piena fioritura, durante l’estate. Le foglie e i rametti vengono impiegati per uso culinario, le sommità fiorite per la produzione degli oli essenziali.

Rosmarino secco

I rametti con i fiori del rosmarino, dopo la raccolta, vanno essiccati il più velocemente possibile, affinché non perdano le loro caratteristiche, riunendoli in piccoli fasci oppure inserendoli in un sacchetto di carta che li protegga dall’umidità e appesi a testa in giù, in luoghi asciutti, bui e aerati.

Una volta essiccato il rosmarino si può sminuzzare oppure ridurre in polvere con un robot da cucina o con un pestello per poi conservarlo in barattoli di vetro ben chiusi e utilizzarlo al momento del bisogno.

Congelare

Possiamo anche conservare il rosmarino fresco nel congelatore da solo  oppure abbinato ad altre erbe aromatiche e utilizzarlo tutto l’anno

Ricette Tisana al rosmarino

Ecco come preparare un ottima tisana per uso interno, da utilizzare per combattere disturbi legati all’ansia come mal di testa, mal di stomaco o problemi di cattiva circolazione, ecc

Ingredienti: un cucchiaio di aghi o foglie di rosmarino essiccati oppure un rametto di rosmarino, una tazza di acqua, a piacere dolcificare con il miele

Preparazione: Riscaldare nel bricco l’acqua fino a che non abbia iniziato a bollire,  quindi versarvi il rosmarino e lasciare in infusione coprendo la tazza con un piattino per circa 10-15 minuti.  Filtrare e far raffreddare alcuni istanti prima di utilizzare.

Olio di rosmarino ricetta

In casa, possiamo preparare  un ottimo olio aromatizzato al rosmarino multiuso, da utilizzare in cucina per insaporire le nostre ricette ma anche per eseguire massaggi antismagliature, per  realizzare maschere per capelli,  per deodorare in casa, per allontanare gli insetti, ecc.

Ingredienti: 400 gr olio d’ oliva, 200 gr rosmarino fresco o secco , barattolo di vetro

Preparazione: Raccogliere il rosmarino, lavarlo, farlo asciugare e poi metterlo nei barattoli di vetro ermetici. Aggiungere poi, l’olio di oliva fino a completo riempimento. Chiudere il arattolo e lasciarlo al buio e a riposo per un mese. Passato il tempo necessario, colare l’olio e il prodotto è pronto per essere utilizzato.

Liquore al rosmarino digestivo ricetta:

Ed infine, ecco un un ottimo modo per gustare il rosmarino tutto l’anno, con questo liquore digestivo:

Ingredienti: 300 ml di alcol a 95°, circa 100 gr di foglie di rosmarino fresche e ben lavate, 400 ml di acqua, 300 gr di zucchero, cannella e la buccia di un limone bio.

Preparazione: Mettere la buccia di limone, il rosmarino e la cannella in un vaso di vetro, aggiungere l’alcol e lasciare macerare per 48 ore. Trascorso il tempo, portare l’acqua al punto di ebollizione, aggiungere lo zucchero, mescolare bene, fare bollire per circa cinque minuti poi lasciare raffreddare. Aggiungere questo sciroppo al contenuto del vaso di vetro, mescolare e poi filtrare il liquore in una bottiglia di vetro.

Attenzione

Così come tutte le erbe curative il rosmarino va usato con moderazione, e non deve essere assunto da bambini, donne in gravidanza e da chi soffre di epilessia. Dosi elevate possono causare irritazioni a stomaco e intestino e lievi gastriti. Inoltre l’olio di rosmarino non va utilizzato puro per evitare irritazioni

Leggi anche

Le proprietà delle spezie per la salute

Conservare gli aromi in cucina con i consigli della nonna

Erbe utili per lo stress

Cause disturbo del sonno e insonnia e i rimedi naturali

Zucca proprietà e utilizzo

Le erbe e le preparazioni per curarsi in maniera naturale 

Precedente Immagine frase Non siamo costretti a restare... Successivo Immagine frase Questa è una società...

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.