Trucchetti e piccoli segreti in cucina

Trucchetti e piccoli segreti in cucina. I rimedi della nonna sono espedienti o trucchetti che usavano le nostre nonne nella vita di tutti i giorni e che, oggi possiamo utilizzare anche noi, per avere idee, per risparmiare ma anche per rimediare a piccoli errori…

Trucchetti e piccoli segreti in cucina
Trucchetti e piccoli segreti in cucina-Dai rimedi della nonna

Dai rimedi della nonna: Trucchetti e piccoli segreti in cucina

Trucchetti e piccoli segreti in cucina, raccoglie i consigli e le astuzie  delle nostre nonne e nasce, per risolvere quei piccoli intoppi quotidiani che a volte si trasformano in vere e proprie complicazioni.

In questa mini-guida però, non troverete solo  trucchi, consigli su come: eliminare l’odore di bruciato in cucina o l’odore di chiuso nel frigo, rendere l’aceto meno aspro, conservare la farina, dare sapore all’uva passa, utilizzare lo spumante aperto ma anche tabelle, utili a migliorare e ad imparare in cucina, pratiche valide, sia per chi ha poca esperienza ma anche per chi è bravo e a poco tempo a disposizione. Impareremo a capire il significato di alcuni pesi: una tazza, un bicchiere o un cucchiaio e ad utilizzare queste unità di misura, che si trovano in alcune ricette, per realizzare piatti favolosi ed originali, a eliminare e a prevenire i cattivi odori in casa e in cucina, a conservare la farina e ad utilizzarla sia nei dolci che salati, ad utilizzare lo spumante aperto da qualche giorno e tanto altro ancora.  Leggete un po’!

Odori

1) Odore di fritto: Per evitare che la puzza di fritto invada la vostra casa :

a) mettete nell’olio di frittura, prima di accendere il gas, un pezzettino di mela con la buccia.

b) Oppure bollite una manciata di chiodi di garofano e lasciate raffreddare, il profumo coprira’ l’odore di fritto.

2) Per togliere l’odore del cavolfiore in lessatura:

a) bisogna aggiungere un paio di noci lavate all’acqua di cottura.

b) oppure versare nell’acqua un cucchiaio di latte, che gli farà acquistare anche più sapore.

3) Per eliminare l’odore di bruciato nell’aria, basta bollire:

a) alcuni spicchi di limone in un po’ d’acqua;

b) o una manciata di chiodi di garofano e lasciali per 10-20 minuti.

c) oppure far sobbollire per 15 minuti, una pentola con acqua e 2 cucchiai di aceto,
inzuppare del pane bianco in questa soluzione e porlo nella stanza, l’aceto aiuta a coprire quello di bruciato, il pane ha capacità assorbenti.

4) Odore bruciato nel Microonde :

a) Lasciare nel forno per tutta la notte una ciotola piena di bicarbonato e al mattino pulire pareti e piatto girevole con una soluzione di acqua e bicarbonato

b) oppure fare scaldare al massimo della temperatura per 5 minuti dell’acqua;

1) con un’arancia e un limone tagliati a metà: in questo modo il vapore elimina i residui dalle pareti e il cattivo odore.

2) oppure con del caffè in polvere o dei fondi di caffè.

Odore di bruciato Forno tradizionale

Mettere nel forno ancora caldo un pentolino contenente del sale grosso e lasciarvelo per un’intera notte. Quindi pulire il forno con uno straccio imbevuto di una soluzione preparata sciogliendo del bicarbonato in acqua e succo di limone.

5) Per togliere il profumo di spazie dal macinacaffé, basterà macinarci una cucchiaiata di zucchero.

6) Per togliere l’odore di chiuso nel frigo, basta poggiare su un ripiano una ciotolina con del bicarbonato di sodio.

7) Se la caffettiera rimane inattiva per molto tempo, prende un odore poco piacevole, basta riempire la caldaia di latte e portarla ad ebollizione. Lasciate raffreddare e sciacquate bene.

8) Per togliere l’odore dalla pattumiera, basta aggiungere sul fondo una manciata di timo secco.

9) Padella bruciata: cospargere il fondo con del bicarbonato e 4 cucchiai di sale, coprire con acqua e lasciarla a riposo tutta la notte, poi sciacquate

Farina

1) Se conserviamo la farina in un luogo troppo umido può diminuire la sua capacità di lievitare.

2) Per accelerare la lievitazione della pasta della pizza, ecc:

a)  basta riscaldare una ciotola di vetro immergendola in acqua bollente, poi asciugatela,  infarinatela e riponetevi  il panetto.

b) oppure riscaldare il forno per 5 minuti a 100° spegnere e riporvi la ciotola con il panetto

c) porre l’impasto in una ciotola di legno invece di una di plastica, che ostacola la circolazione dell’aria.

3) Per eliminare i residui di pasta dal mattarello, strofinatelo con del sale, poi sciacquate e asciugate

Uva passa

Per dare più sapore all’uvetta che usiamo per i dolci, basta ammorbidirla con un po’ di brandy.

Per evitare che uvetta e canditi si accumulino in fondo a un dolce, basta lavarli e infarinarli prima di aggiungerli al composto

Spumante

Utilizziamo lo spumante aperto da qualche giorno per insaporire il pesce o il risotto. Basta versarlo negli stampini per il ghiaccio e poi in frezeer e lo avremo a disposizione  quando serve in comodi cubetti.

Aceto

Se il sapore dell’aceto è diventato troppo forte, basta mettere nella bottiglia due fettine di mela e lasciarle macerare per tre giorni, quindi, filtrare e utilizzare.

Alcune unità di misura o pesi, utili per la realizzazione delle ricette e non sbagliare:

TAZZA:

1 tazza (da caffellatte) = 2,5 dl.

1 tazza di farina o zucchero = 150 gr.

NOCE DI BURRO = 20 gr.

BICCHIERE:

1 bicchiere (da vino) = 1,5 dl.

1 bicchierino (da liquore) = 0,5 dl.

CUCCHIAINO (di solito raso da tè):

1 cucchiaino = ½ cl.

1 cucchiaino di farina, sale, lievito… = 4 gr.

CUCCHIAIO (di solito raso da minestra):

1 cucchiaio = 1 cl.

10 cucchiai = 1 dl.

1 cucchiaio di farina, zucchero, pangrattato… = 10 gr.

1 cucchiaio di formaggio grattugiato = 5 gr.

E per finire i consigli delle amiche del gruppo Dai rimedi della nonna…

Anonima caprese al pomodoro e mozzarella: “nella dieta alcuni trucchi sono indispensabili! esempio io la caprese la preparo così: taglio i pomodorini in un colino metto basilico pepe e se mi va altri aromi; copro e lascio riposare al fresco almeno mezz’ora, taglio la mozzarella dentro giro bene il tutto e lascio riposare ancora almeno un quarto d’ora; al momento di servire servirà pochissimo olio o neppure quello, è gustosissima, saziante e avrò “risparmiato” sale e olio” Buon appetito!”

Paola Casagrande geljogurt lo yogurt per grandi e bambini
Buona giornata vi lascio un fresco messaggio invece di mangiare lo yogurt dal frigo, congelatelo e inserite uno stecchino, tagliando una fessurina sulla stagnola e buon geljogurt….

Broccoli in pentola a pressione cosa aggiungere per evitare l’odore
Donata Cigalotti mi sembra alloro
Diana Baron Io col cavolfiore metto un coperchio con il bordo e aceto.
Enrica Bissolati Io faccio bollire in un pentolino i chiodi di garofano.

Cucinare o bollire delle carote tempo di cottura

Diana Baron Se devi saperlo a priori non ti saprei dire perché molto dipende anche dalla dimensione. Io, come per le patate e altre verdure, vado di forchetta. Quando si infilza bene son pronte. Tutto poi dipende dall’uso finale e se quindi devi frullarle/schiacciarle o magari passarle al burro e le preferisci un po’ più consistenti.

Recuperare un tegame d’acciaio bruciato

Donata Cigalotti Fai una crema con bicarbonato e aceto, lo applichi sulla parte bruciata e fai riposare

Anna Fraccaro oppure due gocce di tea tree,un po’ di acqua e lasci riposare per una notte.. verrà via come niente

Olga Serry Acqua aceto e bicarbonato, fai scaldare e viene via che è un piacere.

Diana Baron Mia mamma so che quando succede che si bruci qualcosa mette acqua e sale e fa bollire.

Giovanna Gianesini Acqua bicarbonato e detersivo per i piatti. … Fai bollire ma attenzione che fuoriesce poi lavi come sempre…

Liliana Baù acqua e aceto e fai bollire

Agnese Pollio Tutta la notte con acqua e candeggina? Poi sciacqui molto bene

Leggi anche:

Tra i fornelli le ricette della nonna con gli avanzi

Le astuzie in cucina della nonna

Come conservare la frutta in estate

Precedente Come conservare la frutta in estate Successivo Trucchetti in dispensa per conservare gli alimenti