I rimedi naturali per la pressione alta

I rimedi naturali per la pressione alta. La pressione alta o ipertensione è una malattia da non sottovalutare, perchè se trascurata può portare ad altre patologie più gravi,  è fondamentale quindi farsi misurare la pressione regolarmente, anche se ci si sente bene, sia per prevenire che per curare il disturbo. In molti casi, è possibile curare l’ipertensione utilizzando  i rimedi naturali, scopriamone di più…

I rimedi naturali per la pressione alta
I rimedi naturali per la pressione alta

Dai rimedi della nonna I rimedi naturali per la pressione alta

La pressione alta è un disturbo che colpisce molte persone, si può soffrire per anni di ipertensione senza saperlo, con il tempo però, questa patologia può danneggiare il cuore, i vasi sanguigni e altri organi. E’ fondamentale, quindi, farsi misurare la pressione dal proprio medico, anche se ci si sente bene, sia per prevenire che curare e poter intervenire sul problema in modo naturale.

Ipertensione o pressione alta 

Il sangue per giungere in ogni parte del corpo, deve essere pompato dal cuore con una certa pressione, poichè il cuore batte ad intervalli regolari, è possibile distinguere una pressione “massima” o “sistolica” che corrisponde al momento in cui il cuore pompa il sangue nelle arterie, ed una pressione “minima” o “diastolica” che corrisponde alla pressione che rimane nelle arterie, momento in cui il cuore si ricarica di sangue per il battito successivo.

Una persona ha la pressione alta o è ipertesa, quando, la pressione arteriosa minima, ipertensione diastolica, ha uno stato superiore “costante” e non occasionale di 90 mmHg di valore e la pressione massima, ipertensione sistolica, ha un uno stato superiore “costante” e non occasionale di 140 mmHg. di valore.

Avere la pressione alta, vuol dire che, il cuore fa più fatica del dovuto per pompare il sangue, le arterie, sotto pressione si indeboliscono, la circolazione diventa difficoltosa e il rischio di infarto e di ictus aumenta.

Sintomi

E’ possibile riconoscere diversi campanelli di allarme che ci indicano la pressione alta, sintomi che andrebbero fatti presenti al proprio medico e non sottovalutati, tra questi: forte cefalea pulsante, soprattutto al mattino; vertigini; debolezza; sudorazione; arrossamento degli occhi ed emorragie nasali.

Cause

L’ipertensione è un disturbo che è causato da diversi fattori e può essere di due tipi:

ipertensione essenziale o primaria, non ha una causa chiara ed è spesso collegata alla genetica, cattiva alimentazione, scarsa attività fisica e obesità;

ed ipertensione secondaria, quando è scatenata da specifici fattori o patologie endocrine, disturbi ormonali, malattie renali, patologie congenite, gravidanza

Prevenire

Come abbiamo visto, i fattori di rischi dell’ipertensione, sono diversi e non sempre è possibile intervenire per prevenirli, soprattutto se sono collegati all’età (il rischio di ipertensione aumenta con l’invecchiamento), alla genetica (la pressione alta tende a essere ereditaria) e alla razza (l’ipertensione è particolarmente frequente tra i neri), è possibile, invece, tenere sotto controllo quelli legati alla dietetica e allo stile di vita.

Come intervenire

Alcuni rimedi naturali e semplici accorgimenti, possono aiutarci ad abbassare la pressione e diminuire il rischio di problemi di salute ad essa collegati. L’alimentazione e lo stile di vita rivestono sicuramente un ruolo fondamentale per la prevenzione. Chi soffre d’ipertensione dovrebbe abolire alcuni alimenti dalla propria dieta-alimentazione soprattutto quelli ricchi di sale. Esso si nasconde in numerosi alimenti, alcuni dei quali dovrebbero essere eliminati o limitati per preferire  quelli che invece sono dei veri alleati nel tenere sotto controllo la pressione.

Alimenti da abolire

Abolire i condimenti grassi: burro, lardo, panna, pancetta, margarine; gli insaccati (salsiccia, salame, mortadella ecc.); le carni salate (prosciutto, speck ecc.); i formaggi stagionati (pecorino, provole ecc.); gli alimenti sotto sale (sardine, capperi ecc.); gli alimenti in salamoia (olive, peperoni ecc.); la frutta secca (pistacchi, arachidi, semi di zucca ecc.); gli snack salati come patatine, pop-corn e noccioline; le salse tipo soia, maionese e ketchup, ecc; le fritture, la pastella e gli intingoli; le bevande zuccherine come cola, tè freddo, ma anche succhi di frutta; i superalcolici e gli alcolici.; i dolci: torte, pasticcini, biscotti, frollini, gelatine, budini, caramelle, merendine, brioche

Alimenti da limitare

Limitare invece, il consumo: del vino, del caffè e tè, sale da cucina; carni rosse e più grasse; pane e prodotti da forno: crackers, grissini, cereali da prima colazione; liquirizia; formaggi ad alto contenuto in grassi e sale: pecorino, gorgonzola, feta, formaggi fusi; affettati 1 volta a settimana, preferire: prosciutto cotto e insaccati derivanti da carni di pollo e tacchino

Alimenti da preferire

Alimenti da preferire: in abbondanza verdura cruda e cotta ( lessate, cotte al vapore o al forno); frutta: preferire quella di stagione e limitare al consumo occasionale i frutti zuccherini quali cachi, fichi, uva; legumi (ceci, fagioli, piselli, fave, ecc.); pesce (fresco o surgelato) tre-quattro volte alla settimana; latte e yogurt scremati o parzialmente scremati; formaggi freschi come ricotta, stracchino, mozzarella (non più di due volte alla settimana), riso e cereali integrali come miglio, orzo e farro, pasta e pane integrali; carne bianca (pollo, tacchino, coniglio) magri , privati del grasso visibile e senza pelle; olio extravergine di oliva, aggiunto a crudo e con moderazione; erbe aromatiche da utilizzare al posto del sale per insaporire le pietanze (aglio, cipolla, basilico, prezzemolo, rosmarino, salvia, menta, origano, maggiorana, sedano, porro, timo, semi di finocchio) e spezie (come pepe, peperoncino, noce moscata, zafferano, curry); limone e aceto balsamico; acqua, almeno 1,5 litri al giorno (preferibilmente acqua oligominerale).

Modificare le proprie abitudini

Modificare lo stile di vita può essere utile per tenere sotto controllo l’ipertensione e per prevenirla, ecco alcuni consigli utili:

Praticare un attività fisica aerobica regolare, che, oltre a favorire il dimagrimento, rende più elastici i vasi sanguigni e combatte lo stress;
limitare al massimo il consumo di alcol, di sigaretta e di caffè;
mangiare alimenti che contengono pochi grassi, limitare l’assunzione di sale;
dimagrire se si è obesi;
ricorrere a tecniche di rilassamento come lo yoga e la meditazione, per ridurre lo stress;
utilizzare alcuni rimedi naturali, tra cui erbe e piante officinali che, contengono principi attivi in grado di: abbassare la pressione sanguigna, di fluidificare il sangue favorendone il suo corretto scorrimento; di stimolare la diuresi facilitando l’eliminazione di scorie metaboliche e di sali minerali in eccesso; di rinforzare le pareti venose, evitando la sclerotizzazione dei vasi.

Rimedi naturali

Per abbassare la pressione alta, oltre a migliorare il proprio stile di vita ed alimentare è possibile utilizzare diversi rimedi naturali, tra i più conosciuti e utilizzati,  troviamo:

Aglio: è Ipotensivo, fluidificante del sangue, ipolipemizzante, ipoglicemizzante, antibatterico e antisettico locale, stimolante delle difese organiche, tonificante, depurativo e disintossicante.  Si puo assumere fresco, sotto forma di tintura madre, Estratto secco d’aglio, Decotto di spicchi d’aglio, ecc

Biancospino (Crataegus Oxyacantha): Il biancospino abbassa la pressione sanguigna rilassando e dilatando le pareti delle arterie.

Cardamono: Uno studio scientifico condotto sul cardamomo, ha evidenziato che consumare quotidianamente cardamomo in polvere per diversi mesi,  riduce  i valori relativi alla pressione sanguigna.

Cannella: Spezia, molto utilizata in cucina è ideale non solo per prevenire  le malattie cardiache ma può anche prevenire il diabete

Semi di lino: Secondo recenti studi, consumare quotidianamente dei semi di lino, porterebbe ad abbassare la pressione alta, grazie al contenuto di omega 3, presente

Tè (nero e verde leggi il post)  Da alcuni studi effettuati, sui benefici del tè,  il consumo di tè verde è associato a una riduzione significativa del colesterolo, delle LDL (lipoproteine a bassa densità, ossia in poche parole colesterolo) e della pressione sanguigna; il tè nero invece è associato a un consistente abbassamento delle LDL e della pressione sanguigna.

Tiglio: Il tiglio ha azione sedativa, ansiolitica e antispasmodica è vasodilatatrice e coadiuvante nell’ipertensione. 

Aromaterapia

Gli oli essenziali più indicati nel trattamento dell’ipertensione, sono: ylang-ylang, dotato di un’efficace proprietà ipotensiva e in grado di attenuare i disturbi provocati sul sistema cardio-circolatorio dallo stress (aritmie, palpitazioni e tachicardia); e l’olio essenziale di lavanda, che esercita un’azione riequilibrante del sistema nervoso centrale, calmando ansia, agitazione, nervosismo, così da contenere gli episodi di insonnia, ipertensione transitoria e tachicardia.

Attenzione 

Rivolgersi al proprio medico alle prime avvisagli di sintomatologia, specie se si mostrano ad un età insolita con valori di pressione molto alti.

 Leggi anche 

Le erbe e le preparazioni per curarsi in maniera naturale 

Le proprietà delle spezie per la salute

Walking camminare per la salute e per stare in forma

Dieta sana e corretta

I rimedi per la pressione bassa

Aromaterapia e oli essenziali

Precedente Torta di mele profumata al limone Successivo La borsite rimedi e consigli

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.