Casa, consigli su idraulica, pittura e falegnameria

Casa, consigli su idraulica, pittura e falegnameria. Scopriamo come è facile prendersi cura ogni giorno della propria casa, con i nostri consigli sul fai da te per risolvere piccoli imprevisti su idraulica (rubinetti: incrostazioni, ostruzioni), falegnameria (mobili: cassetti, tavolo, porte) e infine pittura…

Casa, consigli su idraulica, pittura e falegnameria
Casa, consigli su idraulica, pittura e falegnameria Dai rimedi della nonna

Dai rimedi della nonna: Casa, consigli su idraulica, pittura e falegnameria

Per risolvere in modo semplice e naturale e senza panico, guasti o imprevisti che possono accadere in casa, nel week end o durante le vacanze, ecco dei piccoli trucchetti, su idraulica, pittura e falegnameria. Semplici interventi di riparazione e operazioni di ordinaria manutenzione che possono essere svolte facilmente da tutti, leggete un po’!

In questo post troverete dei piccoli consigli, utili per riparare rubinetti (incrostazioni, ostruzioni), mobili (cassetti, tavolo, porte), eliminare odori di pittura, macchie di fuliggine, muffa,  ecc.  Vi ricordo solo, che gli esempi che troverete in questo articolo, sono tra i guasti più comuni che possono accadere in casa, inconvenienti casalinghi causati dell’usura o del tempo che passa, quindi, non occorre per forza chiamare l’idraulico, il pittore o il falegname, bastano solo piccole astuzie o accorgimenti, per risolverli.

Consigli Pittura

1) Se l’odore della pittura è un po’ forte basta aggiungere alla vernice dell’estratto di vaniglia, due cucchiaini per ogni litro.

2) Se state pitturando la cucina con vernice bianca e volete che resista di più allo sporco, non dovete far altro che aggiungere nella pittura bianca qualche goccia di azzurro e di grigio. Non vedrete nessuna differenza, ma in compenso si attenuerà un po’ il colore cambiando tonalità e gli aloni compariranno più tardi.

3) Prima di imbiancare è necessario passare uno specifico prodotto antimuffa soprattutto nelle camere che sono un po’ umide e dove avete accertato la presenza di muffa

4) In presenza di macchie molto estese (fumo, cucina) o di fuliggine lavare con acqua tiepida quindi applicare un intonaco anti umidita’ e poi verniciare

5) Per togliere le macchie di vernice dal pavimento: Posizionare sulla macchia un batuffolo bagnato con dell’olio. Lasciare agire, poi passare sul pavimento una miscela fatta di aceto e di detersivo per piatti.
Su pavimento di marmo, di parquet materiale particolare, controllare prima che l’aceto non rovini la superficie, facendo una prova in un angolino nascosto. Ricordate di proteggere le zone circostanti con uno strato spesso di sapone e che una volta rimossa la macchia la porzione di pavimento intorno dovrà essere pulita con sapone di Marsiglia e bicarbonato.

Sui mobili, macchia fresca: provare con dell’acqua o dell’alcool denaturato, sciacquare poi con cura e asciugare con un panno morbido, oppure   passare un panno di lana con un prodotto a base di cera nutriente.

Muffa

1) Mettiamo in uno spruzzino una soluzione di acqua e aceto in proporzione di mezza tazza di acqua e mezza di aceto e spruzzarla là, dove è presente la muffa: piastrelle del bagno, sui muri, sui mobili in legno o sulla tenda della doccia,ecc, lasciarla agire per qualche minuto, poi rimuovere con un panno morbido e asciutto;

2) oppure mettiamo in uno spruzzino un po di candeggina diluita con l’acqua. Spruzzarla sulla parete e lasciarla agire per qualche ora. Dopodiché lavate la parete ed eliminate le tracce di muffa..

Rubinetti

1) Se durante la notte il rubinetto perde o sgocciola e vi tiene sveglio, potete avvolgere intorno alla bocca del rubinetto uno straccio.

2) Oppure poggiare un’asciugamano, sotto il rubinetto che attutirà il gocciolio

Ostruzioni :

Per prevenire ostruzioni e cattivi odori nello scarico del lavandino:

1) ogni tanto versatevi un litro di aceto ben caldo, nel quale avrete sciolto una manciata di sale grosso, lasciandolo agire per un’ora prima di far scorrere l’acqua.

2) Oppure, ogni quindici giorni, versate nello scarico un bicchiere di aceto molto caldo e una manciata di soda, e poi, fate scorrere acqua molto calda.

3) Oppure un bicchiere di bicarbonato e uno di sale e subito dopo una pentola di acqua bollente

4) o una miscela di aceto e bicarbonato di sodio, nella quantità di mezza tazza di bicarbonato, e mezza di aceto. Versare prima uno e poi l’altro, coprire lo scarico e poi sciacquare con abbondante acqua calda corrente;

Incrostazioni:

1) Per togliere le incrostazioni di calcare dal water, versate una bottiglia di aceto rosso caldo la sera e lasciatelo agire tutta notte.

2) Nei lavabi basta passare uno strofinaccio intriso di aceto

Cassetto

1) Se un cassetto scorre con fatica

a) passate sui bordi e sui fianchi la carta vetrata, spolverate e ripassate con sapone di marsiglia o cera asciutti.

b) Oppure strofinate bene con una candela o con una saponetta.

2) Le mensole di legno possono ritornare come nuove basta una mano di cera liquida.

Tavolo:

per sistemare un tavolo traballante occorre dello stucco per legno. Ne metteremo una piccola quantità su un foglio di carta oleata e sopra poggeremo la gamba. Non appena è asciugata toglieremo lo stucco in eccesso con una lama affilata e poi levigheremo con carta vetrata.

Porte rumorose

1) Passate sui cardini a vite dell’olio di oliva o vasellina.

2) Oppure del borotalco.

Macchie Silicone

Utilizzare degli stracci imbevuti di una queste sostanze per ammorbidire il silicone:

-Alcool etilico (il comune alcool disinfettante);
-Acetone (usato come solvente);
-Acquaragia:

Attenzione:

quando facciamo uso di questi prodotti, ricordiamoci che, essi potrebbero macchiare le superfici con cui entrano in contatto, in particolar modo quelle porose; sulle piastrelle del bagno in genere non danno problemi ma in altre circostanze è sempre meglio testare, su un punto non in vista, quale potrebbe essere il risultato)

in alternativa possiamo utilizzare il phone per capelli: Posizionare l’asciugacapelli a circa 20 cm dalla zona da pulire e scaldarla per circa 30/40 secondi.

Dopo aver ammorbidito il silicone rimuoverlo dalle superfici con una spatola o un raschietto, facendo attenzione a non rigare/graffiare la superficie circostante.

E per finire i suggerimenti delle amiche del gruppo  Dai Rimedi della nonna su macchie di silicone:

Donata Cigalotti Raschietto
Maris Polisseni Spatoletta e grattare pianino!

Singer: corda dei pedali un po’ lasca

Sandra Fantini taglia il necessario e chiudila con una cucitrice da falegname (quella con i punti grossi)

Fina Bruno Prima, di fare questa operazione prova a Bagnarla!

Tavolo di legno allungabile, ma il legno non scorre

Diana Baron Io so che mio padre strofinava una candela (cera) per far scivolare meglio il nostro
Lina Russo Oppure con una saponetta
Antonella Di Perna Borotalco
Monica Riccomini Sapone umido

leo072 Per aprire i tombini stradali bloccati dalla ruggine: versare abbondante Coca Cola nella giunta fra tappo e cornice, far agire per almeno 12 ore e poi il tombino infame si aprirà come per miracolo. Lo stesso vale per smollare i morsetti da impalcatura. Infine per lucidare le parti cromate macchiate di ruggine.

Leggi anche

Come pulire pavimenti e pareti, trucchi e consigli

Come prevenire la muffa in casa

I rimedi per le fughe dei pavimenti annerite

Precedente La ricetta di sciroppo di Aloe Vera casalingo Successivo La cura del guardaroba: i trucchi e i consigli per evitare aloni, polvere, tarme