Semi di lino proprietà, rimedi e controindicazioni

Semi di lino proprietà, rimedi e controindicazioni. Oggi vorrei parlarvi dei semi di lino, un prodotto che ho imparato ad apprezzare qualche anno fa, come ingrediente base nei prodotti per la cura dei capelli e della pelle e da qualche tempo come integratore alimentare grazie all’alto contenuto di omega 3,  omega 6 e di fibre. Scopriamo le proprietà, i rimedi e le controindicazioni di questi preziosi alleati anche della salute!

Semi di lino proprietà, rimedi e controindicazioni

Semi di lino proprietà, rimedi e controindicazioni

Dai rimedi della nonna: Semi di lino proprietà, rimedi e controindicazioni

I semi di lino derivati dalla pianta Linum usitatissimum, sono dei preziosi alleati della salute e della bellezza naturale. Da questi semi infatti si ottiene la farina e l’olio di lino, entrambi commestibili, quest’ultimo in particolare, ha vari impieghi, è utilizzato come integratore alimentare e come ingrediente per la cura dei capelli, ma anche, in prodotti per il legno e per le vernici.

Pianta

Il lino, è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Linaceae, genere Linum usitatissimum di cui fanno parte circa 200 specie, è alta circa 60 cm e cresce una volta l’anno, (nel periodo compreso tra Aprile e Settembre), con fiori dei più svariati colori. Dai suoi frutti nascono capsule contenenti semi (utilizzati non solo in alimentazione, ma anche nella cosmesi per numerosi trattamenti), di piccole dimensioni e di colore che va dal bruno scuro al giallo paglierino, a seconda delle varietà. La radice è un corto fittone.

Semi di lino alleati naturali per la salute e la bellezza

I semi di lino contengono sostanze che risultano importanti sia per la salute che per la bellezza tra questi:

-minerali: calcio, sodio, magnesio, fosforo, zinco, ferro, potassio, manganese, selenio e rame;
-vitamina B1, B2, B3, B5, B6, vitamina C, vitamina E e K;
-zuccheri (glucosio e saccarosio);
-acidi grassi omega 3 e Omega 6 ;
.lignani potenti antiossidanti;
-aminoacidi: acido glutammico e acido aspartico, arginina, glicina, istidina, cistina, leucina, isoleucina, metionina, prolina, serina, treonina, triptofano, tirosina e valina.

Sostanze, che gli conferiscono notevoli proprietà benefiche e salutari.

Proprietà

Secondo, alcune ricerche condotte negli Stati Uniti, sembra che il consumo dei semi di lino possa ridurre il rischio di sviluppare alcuni tipi di tumore: al seno, alla prostata, e parti interessate al colon.

Ma molte altre sono le proprietà riconosciute ai  semi di lino, tra queste:

-proprietà lassative: i semi di lino combattono la stitichezza e migliorano in generale le funzioni dell’intestino;
-proprietà antinfiammatorie: i semi di lino sono utilizzati per alleviare le infiammazioni dell’intestino, l’apparato urinario (cistite) e della pelle (come le dermatiti);
-proprietà ipotensive: sembra che il consumo quotidiano di semi di lino porti effetti benefici in coloro che soffrono di pressione alta;
-proprietà antiage: i semi di lino migliorano il ricambio cellulare e migliorano l’ossigenazione, garantendo così alla pelle di mantenersi giovane e tonica.

La loro assunzione regolare, inoltre sarebbe utile:

-durante la menopausa per prevenire l’osteoporosi ed altre patologie alle ossa, al cuore e all’apparato digerente;
-per Migliorare le capacità digestive; la Pressione alta;
-per rinforzare il sistema immunitario e tonificare i muscoli
-per depurare il corpo; per il cuore: grazie agli omega 3 di cui sono ricchi;
-per prevenire le emorroidi e per favorire lo sviluppo della corteccia cerebrale del feto durante la gravidanza;
-e infine nelle Diete: aiutano a bruciare i grassi convertendoli in energia e aumentano il senso di sazietà

Rimedi

I semi di lino sono un preziosi alimento e non dovrebbero mancare mai nella nostra dispensa, sia per arricchire la nostra alimentazione (3 cucchiaini sono la dose giornaliera consigliata per godere al meglio delle loro proprietà, da consumare tritati o interi, nell’insalata, nel pane, nelle zuppe, in genere nelle preparazioni salate, nei muesli ecc), oppure per preparare i nostri rimedi in casa contro raffreddori,  infiammazioni, ecc. Prima di passare ai rimedi, vi ricordo che, i semi di lino vanno conservati in contenitori chiusi ermeticamente, al riparo dalla luce e da fonti dirette di calore, in un luogo fresco e asciutto. Una volta macinati, possono essere conservati in frigorifero, preferibilmente in un vasetto di vetro, per massimo 24 ore.

Rimedi: bronchiti, tosse, raffreddori.
-Polentina di semi di lino: mettere a bollire due cucchiai di semi in acqua e farli cuocere finché assumono la consistenza di una polentina. Spalmare quindi il composto su di una garza, ripiegarla e appoggiarla sul petto. Lasciar agire per 20 minuti.
-Decotto: in 100 gr di acqua bollire 8 grammi di semi di lino per 15 minuti. Filtrare il decotto e berlo due volte al giorno prima dei pasti.

Impacco nutriente per capelli
Versare in un pentolino 250 ml di acqua e due cucchiai di semi di lino, portare ad ebollizione a fuoco lento, spegnere e lasciare riposare il preparato per almeno un giorno o per tutta la notte. Filtrare il liquido ottenuto e aggiungervi alcune gocce di oli benefici come quello di oliva, di cocco, di mandorle dolci o oli essenziali tonificanti, il nostro impacco è pronto. Lasciare in posa sui capelli mezz’ora prima di procedere all’abituale shampoo.

Rimedi per depurare l’organismo
Decotto a freddo: lasciare in infusione per una notte, in un bicchiere d’acqua naturale, coperto con un piattino o pellicola un cucchiaio di semi di lino, da bere al mattino a digiuno.

Cuscino antidolorifico freddo e caldo
Riempire di semi una piccola federa di cotone o di lino e cucire bordi.

-Raffreddare il cuscino in frigorifero (per 3 ore, avvolto in una busta di cellophane),
-oppure scaldarlo al microonde (per 3 minuti a 600 W) o sul termosifone. Applicare sull’area dolente, tenendolo in posa finché non raggiunge la temperatura corporea

Olio di semi di lino
In alternativa ai semi di lino possiamo utilizzare l’olio di semi di lino che deve essere sempre usato a crudo, tenuto in frigorifero e, una volta aperto,
consumato nell’arco di circa 30 giorni. L’olio di semi di lino è un’ottima base per realizzare un unguento da massaggi con effetto antidolorifico, lenitivo e riscaldante, utile per alleviare anche i formicolii e la debolezza muscolare che spesso si accompagnano all’infiammazione del nervo sciatico, ma di quest’ultimo nè parleremo nel prossimo post Olio di semi di lino  proprietà e utilizzo

Controindicazioni

I semi di lino sono controindicati:
-in caso si soffra di diverticolite e di sindrome del colon irritabile;
-nei bambini che hanno un apparato gastrointestinale ancora immaturo e delicato;
-In gravidanza, consumare solo dopo aver chiesto il parere del medico.
Consumare dosi eccessive di semi di lino provoca ostruzione intestinale, nausea, flatulenza, dissenteria, gonfiore e crampi allo stomaco, inoltre potrebbero interferire con alcuni farmaci antidiabetici e anticoagulanti.

Leggi anche

Le proprietà delle spezie per la salute

Conservare gli aromi in cucina con i consigli della nonna

La curcuma proprietà e utilizzo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lascia un commento

*